Piemonte Doc Chardonnay

Monteriolo

Lo Chardonnay, in Piemonte, non è come molti credono un’introduzione moderna. La sua presenza è attestata a partire dalla prima metà dell’Ottocento grazie all’intraprendenza di Filippo Asinari, Conte di San Marzano e Costigliole ed importante figura politica-militare. Al suo rientro dalla Francia, dove aveva collaborato al fianco di Napoleone, portò con sé alcune barbatelle di Chardonnay dalla famosissima vigna di Montrachet per metterle a dimora a Costigliole. La loro presenza sul territorio ancora perdura perché la composizione del nostro suolo e il microclima a loro congeniale ne ha permesso il radicarsi.

Chardonnay Monteriolo

Denominazione:
Piemonte d.o.c.

Vitigno:
Chardonnay

Prima annata prodotta:
1984

Esposizione:
sud-sud est

Tipo di terreno:
marna argilloso-calcarea con prevalenza limo

Altitudine vigneti:
200 m s.l.m.

Forma di allevamento:
Guyot

Densità d’impianto:
4.500 piante per Ha

Vendemmia:
selezione in vigneto delle uve più sane e mature raccolte a mano in cassette da 20 Kg

Vinificazione:
pressatura soffice e fermentazione in barriques

Affinamento:
9 mesi in barriques sui lieviti con frequenti batonnages

Colore:
giallo paglierino con riflessi verdognoli

Al naso:
fiori di campo, mango, agrumi, risacca marina

In bocca:
sapido e di buona freschezza

Abbinamenti:
ostriche, faraona arrosto, formaggi di capra

Temperatura di servizio:
14° C.

Formati:
0,375 l. – 0,750 l. – 1,5 l.

Scheda tecnica

Rassegna stampa cosa dicono su questo vino...