Pubblicato il in News ed eventi

I vini dell’estate e la barbera in vacanza

Sempre Lui

Un vino giusto, perfetto, bevuto in un tardo pomeriggio d’estate.
Un ricordo preciso, una memoria di profumi e aromi che nella stagione calda richiamano l’acquolina in bocca.

Ma c’è davvero un vino per l’estate?

Il vino è libertà e piacere soggettivo e nessuno può dirci che cosa bere e cosa non. Anche l’indicazione più accorta del sommelier non può considerare tutte le variabili che determinano il nostro gusto, la nostra conoscenza, il vino “giusto” per la nostra estate. Bando dunque ad ogni ansia di prestazione: “beviamo quello che ci piace”.

Al netto della premessa, se siamo curiosi e amiamo conoscere, possiamo aggiungere qualcosa. Consideriamo che alcuni vini ci piacciono mediamente di più in estate, almeno a queste latitudini. Sono i vini bianchi. Durante l’estate, riferiscono le enoteche, oltre la metà delle vendite è rappresentata dai bianchi.

Perché i vini bianchi?

Mediamente, rispetto ai rossi, i vini bianchi si bevono più freddi, hanno una quantità più bassa di alcol e spiccano per la freschezza del sorso in bocca e la mancanza di tannini, sposandosi più semplicemente ai cibi di stagione – le verdure, le carni bianche, il pesce – cucinati con semplicità, con meno grassi e sapori aggiunti.

D’estate beviamo i bianchi, è vero.
Ma non è tutto. Ci sono bianchi e bianchi, ci sono altre tipologie di vino e non dobbiamo farci ingannare dal solo colore.

Abbiamo pensato a una possibile selezione di vini per l’estate.

Un piccolo viaggio tra vini bianchi, dal Gavi allo Chardonnay in due versioni, passando per lo spumante Alta Langa e senza dimenticare la straordinaria versatilità dell’uva barbera.
Proprio così. Abbiamo infatti una barbera che si mette il costume e va in vacanza, in versione rosata, ed una barbera classica che ci sorprende sempre, anche in estate.

Scopriamo questa selezione di vini Coppo per l’estate.

Sempre Lui e Gavi La Rocca

Gavi La Rocca

Prende il nome dalla Tenuta che Coppo gestisce da oltre 35 anni.
Il Gavi è un classico vino piemontese, 100% uva Cortese. La nostra interpretazione è davvero tradizionale, con affinamento solo in acciaio. L’annata 2020 mostra in modo perfetto l’espressione che cerchiamo con questo vitigno: acidità spiccata per una grande bevibilità e un tipico aroma intenso, agrumato in questa release. Un vino giovane e fresco che mostra anche eleganza e carattere.

Sempre Lui

Ecco la barbera in vacanza. Siamo da sempre considerati specialisti della Barbera in Piemonte. Forte della nostra esperienza, tre anni fa abbiamo rilasciato questo nuovo vino, rosato, da uve barbera. Le uve arrivano dai vigneti delle aree migliori, prossimi a quelli del Pomorosso.Si raccolgono a mano, in anticipo, e vengono vinificate con una macerazione corta. In questo modo, pur mantenendo la potenza e il sapore del frutto, abbiamo un vino fresco, rosa tenue, di grande bevibilità. Basta dare un’occhiata all’etichetta: Sempre Lui è il vitigno che conosciamo ma stavolta si è messo il costume. Gli americani direbbero che è nato un “pool wine”. E’ un vino ideale per la maggior parte delle occasioni estive.

 

 

Costebianche

Per tutta la famiglia Coppo, lo chardonnay è un fiore all’occhiello. Una storia di passione, e ricerca per le espressioni più complesse di questo vitigno. Ci piace ricordare che poche altre aziende hanno così a lunga esplorato le potenzialità dello chardonnay in Piemonte.
Vediamo due vini bianchi a base chardonnay.
Costebianche (giovane, fresco e immediato) e Monteriolo (complesso e capace di invecchiare).

Costebianche mostra il colore, il profumo e il gusto tipici di uno Chardonnay giovane. Un colore giallo paglierino, con note di ananas, banana mango e frutta tropicale. E’ un vino fresco da consumare giovane, perfetto con crostate salate e frittate alle erbe, pinzimonio, con carni bianche e pesce, possibilmente crudo, con frutti di mare e coquillage, formaggi giovani.

Monteriolo

Monteriolo è uno Chardonnay molto complesso, concepito per sfidare il tempo. Nato nel 1984, la critica internazionale lo considera un punto di riferimento per gli chardonnay italiani.
Il colore è intenso, gli aromi dello Chardonnay si affiancano a note di frutta candita, mandorla e lievito.
Monteriolo è fermentato in botte, con ulteriori 9 mesi sui lieviti in barrique e un ulteriore affinamento in bottiglia nelle nostre cantine patrimonio Unesco. Già nei primi anni dalla vendemmia è facilmente abbinabile a piatti strutturati e complessi: dalla carne cruda al foie gras, primi piatti con ragù bianco o verdure, riso al curry, zuppa di pesce, pollo al curry, carne alla griglia o pesce al forno, formaggio stagionato.

 

Luigi Coppo

L’estate è anche una stagione perfetta per aprire una bottiglia di spumante. Per un aperitivo o per pasteggiare, Luigi Coppo è lo spumante più venduto della casa, uno spumante brut metodo classico che si appresta a entrare a far parte della docg Alta Langa.
E’ il nuovo passo di Coppo nella più restrittiva e pregiata denominazione che si è recentemente data lo spumante piemontese. Considerando i vini della famiglia, la Riserva Coppo, che ha appena ricevuto dal Gambero Rosso il premio Tre Bicchieri 2021, aveva tutti i requisiti Alta Langa già nel 1984. A partire da ottobre 2021 anche Luigi Coppo sarà Alta Langa (dal millesimo 2018).

Che tipo di spumante è? Si ottiene da uve Pinot nero 100%, una pressatura soffice e una fermentazione in acciaio a temperatura controllata e presa di spuma secondo il metodo tradizionale. Si affina per 30 mesi in bottiglia a contatto con i lieviti. L’Associazione Italiana Sommelier scrive: “I profumi molto fini sono di lievito di pane e burro di montagna. Coppa di frutti bianchi freschi, pesca, litchi e melone. La freschezza del sorso si accompagna a una sapida struttura di mandorla”.

 

L’Avvocata.

E’ uno dei nostri vini più conosciuti, mostra l’espressione più immediata dell’uva barbera ed è considerata punto di riferimento tra i barbera classici per il mercato italiano e internazionale. E’ stato premiato con i Tre bicchieri del Gambero Rosso nel 2018, un premio che per la prima volta ha riconosciuto l’eccellenza di una barbera classica.

E’ un vino rosso ma il processo di vinificazione garantisce un vino sempre piacevole, succoso e bevibile, e adatto a diversi abbinamenti gastronomici.

L’Avvocata è un vino versatile, anche in estate.
Servito più freddo del solito, seguendo certi trend, sorprende nell’abbinamento con certi cibi di stagione. Avete presente certe verdure e spezie delle cucine asiatiche? Certi piatti orientali che abbinano pesce e frutta, polipo e pera, pesci magri e zuppe grasse sempre con un tocco di piccante? Dopo un passaggion in frigo mettete L’Avvocata sul tavolo e scoprirete il potere inatteso di una barbera classica. Quella del 2020, l’ultima prodotta, ha il tappo a vite.