Pubblicato il in News ed eventi

Certezze 2020 per il 2021

Il rislutato economico del 2020 per il settore viticolo è stato fortemente condizionato dagli effetti del Covid-19, del lockdown e delle forti restrizioni per le attività di ristorazione, di accoglienza e di consumo.

In questo contesto, il bilancio di Coppo è un bilancio particolarmente positivo. L’azienda ha mostrato performance migliori di quelle del settore e anche crescite percentuali a doppia cifra, rispetto all’anno precedente, nei mesi in cui il mercato è stato riaperto. Il 2021 comincia senza rimanenze in cantina, all’insegna di nuovi investimenti e di un calendario di release dei vini che non mostra rallentamenti.

Questo in sintesi è il quadro che la famiglia ha tracciato nel corso del tradizionale meeting di inizio anno con la forza vendita nazionale.

I numeri del 2020

Durante la riunione, tenutasi online nei primi giorni della scorsa settimana, Luigi Coppo, responsabile marketing e del mercato estero, ha commentato positivamente la performcance del -12% rispetto al 2019. Particolare attenzione per due dati, +16.8% e +18.2%, registrati da giugno ad ottobre 2020 sullo stesso periodo 2019, rispettivamente per il fatturato Italia e per la vendita diretta in cantina. “Sono dati che ci fanno molto piacere” – ha detto Luigi Coppo. “E’ segno che il marchio sta molto bene, che ispira fiducia e che, nel momento in cui è possibile tornare a consumare, viene premiato da clienti e comsumatori. Il trend di crescita non è nuovo ma in questi mesi dell’ultimo anno i numeri sono più che raddoppiati”.

 

Le release del 2021

Tra marzo e ottobre 2021 usciranno 8 vini Coppo.

Si comincia a marzo con il rosé Sempre Lui 2020, un vino rosato da vendemmia anticipata di barbera e vinificato in acciaio che l’azienda sta sperimentando con ottimi riscontri da un paio di stagioni. Tra primavera e prima estate sono attesi due bianchi di riferimento di Coppo, il Gavi La Rocca d’annata e il Monteriolo 2018, ovvero la nuova release per la massima espressione dello Chardonnay per Coppo.

Il calendario degli spumanti sta nel segno dell’impegno sull’Alta Langa e mostra un nuovo passo nel posizionamento dell’azienda. Nel solco di una tradizione spumantiera che rimanda alle origini dell’azienda, Coppo si propone come riferimento anche per la più recente e selettiva denominazione del metodo classico piemontese. La Riserva Coppo Alta Langa 2016 è attesa per inizio giugno mentre ad ottobre si segnala il Luigi Coppo: il più venduto spumante di Coppo, con annata 2018, debutta con l’etichetta Alta Langa. L’intenzione per le prossime stagioni è di crescere: i nuovi terreni a Cassinasco, sopra Canelli, saranno impiegati per la denominazione.

La progressione dei vini rossi comincia con L’Avvocata 2020, la barbera d’annata di Coppo, passando per il Camp du Rouss 2019, la popolare barbera di medio corpo affinata 12 mesi in legno di secondo passaggio, per arrivare fino al pluripremiato Pomorosso, vino iconico del marchio, Nizza docg, che viene reso disponibile ad ottobre 2021 con annata 2018.

“Tutto il settore del vino si riprenderà, i produttori devono avere fiducia”

Paolo Co

“Abbiamo affrontato tanti problemi, supereremo anche questo”. Con queste parole Paolo Coppo, responsabile commerciale, ha diffuso un messaggio di ottimnismo per tutto il settore del vino messo alla prova dagli effetti della pandemia.

Così Paolo Coppo sì è rivolto agli oltre 50 agenti collegati da tutti Italia durante un saluto registrato alla Riserva di Famiglia Coppo, a Castelnuovo Calcea, tra le vigne del Nizza docg, in regione Gavelli, dove si trovano alcuni dei filari più vecchi e pregiati della famiglia. “Quest’anno ci ha detto cose nuove da cui dobbiamo imparare ma ci ha anche ricordato alcune certezze. Io ho quasi settant’anni, in tutta la mia vita ne ho viste tante nel settore del vino. Ho visto arrivare molte difficolta: le abbiamo sempre superate. Come produttore sono convinto che supereremo anche questa. Tutti i produttori devono essere fiiduciosi: il lavoro e la qualità pagano sempre”.

 

Il nuovo video

Nell’aprire il nuovo anno, l’azienda ha presentato il suo nuovo video corporate.

Un video di immagini e musica che offre alcuni suggestioni del mondo Coppo. Si riconoscono le vigne della Riserva della Famiglia, a Castelnuovo Calcea, e di Serramasio, a Canelli, le cantine sotterranee patrimonio Unesco, le sale degustazione e il giardino della villa di proprietà. Nel video compaiono tra l’altro tutti i soci Coppo: Luigi Coppo e papà Paolo, oltre a Roberto, Gianni e Piero Coppo.

Il video, che sarà impiegato come opening dei meeting Coppo, è stato anche pubblicato sui profili sociali: su facebook c’è la versione integrale, su instagram e twitter la versione ridotta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da COPPO (@coppo1892)