Benvenuti alle Cantine Coppo

riconosciute dall'Unesco

Patrimonio mondiale dell'Umanità

Le storiche cantine Coppo sono state dichiarate dall’Unesco Patrimonio Mondiale dell’Umanità: un riconoscimento prestigioso, che riempie l’azienda di orgoglio e che fa delle Cattedrali Sotterranee un tempio dedicato al vino, alla sua storia e al duro lavoro dell’uomo.

Edificate con ogni probabilità a partire dal XVIII secolo come piccole cantine di conservazione, rimaneggiate e ingrandite nel corso del 1800 e del 1900 fino alle ristrutturazioni e alle sistemazioni moderne, le storiche cantine Coppo si sviluppano sotto la collina di Canelli per un’estensione di oltre 5 mila metri quadrati e una profondità che, nel suo punto più basso, raggiunge i 40 metri.

Una storia secolare

La storia dell’azienda Coppo si intreccia in modo inestricabile a quella del vino piemontese, in particolare allo sviluppo di Canelli, patria e capitale dello spumante italiano, ancora oggi uno dei più importanti poli vitivinicoli italiani.

Una storia di tradizione e coraggiosa visione del futuro, di sacrificio e innovazione. Un racconto che dimostra l’amore incondizionato dei Coppo per i luoghi d’origine, i vitigni da sempre coltivati in Piemonte e la lunga tradizione familiare.

Le origini dell’azienda risalgono al 1892 e per oltre 120 anni seguono le vicende della famiglia, oggi ancora unica proprietaria. La capacità, sin dalle sue origini, di condurre le vigne di proprietà e di vinificare e di imbottigliare l’uva prodotta sotto il proprio marchio fanno della cantina Coppo una delle più antiche realtà vitivinicole d’Italia.

“Chi conosce il vino deve ancora nascere”

Piero Coppo, il fondatore –

Vini per passione

La produzione dell’azienda si incentra oggi per la maggior parte sulla Barbera, gli spumanti Metodo Classico, lo Chardonnay e il Moscato d’Asti, che si può fregiare della dicitura «Canelli», sottozona di recente creazione che sottolinea l’eccellenza dei Moscati prodotti in questa area…



Ultime dal blog news, eventi, riconoscimenti e tanto altro...

Pubblicato il in Storia

piero-coppo_anni_30

Il Moscato d’Asti nel ‘900, un successo mondiale

Il Moscato d’Asti è il vino dolce più bevuto al mondo, l’1 febbraio 1994 ha ottenuto la Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG) e fa parte di una delle famiglie di vitigni più grandi e variegate tra tutte quelle conosciute Basterebbero...

Scopri di più >

Pubblicato il in Approfondimenti

monferrato-neve

Moscato e Barbera, viaggio nelle terre Patrimonio dell’Umanità – Seconda Tappa

Continua il nostro viaggio nelle terre del Moscato e del Barbera d'Asti. Dopo aver fatto tappa a Santo Stefano Belbo e Nizza Monferrato, il nostro viaggio prosegue nella Valle Sarmassa, cuore del Barbera d'Asti e si spinge fino a Acqui Terme, terra del mitico...

Scopri di più >

Pubblicato il in News ed eventi

Patrimonio dell'Umanità tra Moscato e Barbera

Moscato e Barbera, viaggio nelle terre Patrimonio dell’Umanità – Prima Tappa

Con le sue colline a strapiombo e gli ombrosi rittani, la zona che parte dalle irte colline della Langa Cuneese, attraversa gli ameni declivi del Monferrato Astigiano e termina sui primi contrafforti della pianura Alessandrina si presenta come uno dei luoghi...

Scopri di più >